↕ Menù di servizio

» Menù principale

Dove sei: Homepage > Amministrazione trasparente > Bandi di gara e contratti > Avvisi, Bandi ed Inviti > Gare in corso

Gare in corso

 

Oggetto: Global Service per la gestione manutentiva di immobili residenziali e non, di proprietà ed in gestione ad ACER Ferrara, siti nella provincia di Ferrara triennio 2022-2024 con possibilità di proroga.

Data di spedizione alla GUUE:  27/10/2021  

Scadenza termine presentazione: 10/12/2021 ore 12:00

 

- Bando di gara

- Disciplinare di gara 

- Capitolato d'appalto

ALLEGATI AL DISCIPLINARE

- Allegato 1 DGUE

- Allegato 2 Istanza e dichiarazioni sostitutive

- Allegato 3 Dichiarazione condanne

- Allegato 4  Dichiarazioni titolare,socio etc.

- Allegato 5  Dichiarazione soggetti cessati

- Allegato 6  Offerta Economica

 

ELABORATI  TECNICI

01 Elenco immobili

02 Regolamento ripartizione oneri

03 Componenti caldaia

04 Elenco aree verdi

05 Procedura condomini misti

06 Capitolato tecnico

07 Elenco prezzi aggregati

08 Analisi prezzi aggregati

09 Analisi impianti di calore

SICUREZZA

 CANONE

PSC Canone

PSC Covid Canone

All A Canone

All B Covid Canone

All C Covid Canone

All B Canone

Costi agg. Covid Regione

All C Canone

All D Canone

Fascicolo Canone

EXTRA CANONE

PSC Covid extracanone

PSC Extra canone

All A Crono extra canone

All B Covid extra canone

All C Extra canone

All B Extra Canone

Costi agg Covid Regione

All C Extra Canone

All D Extra Canone

Fascicolo extra canone 

MANUALE HYPER FABBRICATI

- Hyper Fabbricati ACER Fe

 

NOTE INTERPRETATIVE E RETTIFICHE:

1) a pag.14 del "Disciplinare" punto 12.4 (prime due righe) è presente un refuso. In luogo di "...riportate nell'allegato 6" leggasi " ...riportate di seguito"

2) Dimensionamento offerta tecnica:  Invitiamo cortesemente gli operatori economici interessati a fare in modo che ciascuno dei 6 file richiesti non superi –ciascuno- le 12 cartelle dattiloscritte ove con cartella si intendono, secondo standard, 1800 battute suddivise in 30 righe di 60 battute ciascuna più gli spazi tra una parola e l’altra; il limite di 15 MB per ciascun file è posto nell’ eventualità che alle pagine sopra individuate siano allegati elaborati grafici, immagini/foto la cui consistenza non è predeterminabile.

3) Numero interventi annuali: 2018, 2019, 2020, 2021


 QUESITI E RISPOSTE

Q:  Si chiede di confermare che un consorzio di cui all’articolo 45 comma 2 lettera b) del Codice, possa concorrere indicando, quale consorziato, un altro consorzio di cui all’art. 45 comma 2 lettera b) del Codice il quale, a sua volta, affiderà l’esecuzione ad un proprio consorziato.

R: L’articolo 48, comma 7 D.Lgs.50/2016 così dispone: È fatto divieto ai concorrenti di partecipare alla gara in più di un raggruppamento temporaneo o consorzio ordinario di concorrenti, ovvero di partecipare alla gara anche in forma individuale qualora abbia partecipato alla gara medesima in raggruppamento o consorzio ordinario di concorrenti. I consorzi di cui all'articolo 45, comma 2, lettere b) e c), sono tenuti ad indicare, in sede di offerta, per quali consorziati il consorzio concorre; qualora il consorziato designato sia, a sua volta, un consorzio di cui all’articolo 45, comma 2, lettera b), è tenuto anch’esso a indicare, in sede di offerta, i consorziati per i quali concorre; a questi ultimi è fatto divieto di partecipare, in qualsiasi altra forma, alla medesima gara; in caso di violazione sono esclusi dalla gara sia il consorzio sia il consorziato; in caso di inosservanza di tale divieto si applica l'articolo 353 del codice penale.

Ne deriva che un consorzio di cui all’articolo 45 comma 2 lettera b) del Codice, può concorrere indicando, quale consorziato, un altro consorzio di cui all’articolo 45 comma 2 lettera b) del Codice il quale, a sua volta, affiderà l’esecuzione ad un proprio consorziato.
Va da sé che, in tal caso, sia il primo che il secondo consorzio dovranno allegare la relativa documentazione amministrativa.

Q: In rifermento alle 6 relazioni da presentare per l’offerta tecnica si chiede conferma che non ci sia un numero di limite di pagine o di dimensione del carattere. 

R: Invitiamo cortesemente gli operatori economici interessati a fare in modo che ciascuno dei 6 file richiesti non superi –ciascuno- le 12 cartelle dattiloscritte ove con cartella si intendono, secondo standard, 1800 battute suddivise in 30 righe di 60 battute ciascuna più gli spazi tra una parola e l’altra; il limite di 15 MB per ciascun file è posto nell’ eventualità che alle pagine sopra individuate siano allegati elaborati grafici, immagini/foto la cui consistenza non è predeterminabile

Q:   Si richiede l’invio dell’opuscolo ai soli fini illustrativi/informativi non esaustivo relativo al sistema informativo per la gestione delle attività manutentive in uso ad ACER FERRARA come indicato nell’ art. 7.1 del CT.

R: Viene pubblicato il manuale “hyper fabbricati” in calce alla documentazione relativa alla sicurezza

Q: Si chiede di specificare se il CV del Responsabile Generale delle Attività, deve essere nominale, e se debba essere contenuto in un numero massimo di pagine. Si chiede altresì di indicare se debbano presentati in sede di gara i CV delle altre figure tecniche professionali (Coordinatore tecnico, Ingegnere Edile/Architetto, Ispettore fabbricati) richieste nell’ art.7.2 del CT.

R: Il responsabile generale dell’attività deve essere nominativamente individuato ed il suo curriculum dovrà essere compreso nel file 1.3 Responsabile della commessa

Q: 1) Chiediamo cortesemente di sapere quanti sono come numero gli interventi eseguiti a canone per ciascuno degli anni 2018, 2019, 2020 e 2021.2) Con riferimento al numero di interventi a canone per gli anni di cui sopra, chiediamo se è possibile avere un dato numerico di suddivisione per tipologia: edile, idro-termo-sanitario, elettrico.

R: Si vedano report inseriti nelle "NOTE INTERPRETATIVE"

Q: Si chiede di confermare che l’impresa singola, in possesso della qualificazione SOA OG 1 classifica IV e priva della attestazione SOA OS6 può partecipare alla gara

R: Ai fini della ammissione alla gara è richiesto ai concorrenti di possedere la qualificazione SOA in categoria OG 1 classifica IV bis, OS 3 classifica II, OS 28 classifica II e OS 30 classifica III bis e OS 6 classifica II (paragrafo 8.4 del disciplinare di gara).
Pertanto, l’impresa singola, in possesso della sola qualificazione SOA OG 1 classifica IV non può essere ammessa alla gara in quanto, relativamente alla categoria OG 1 è richiesta la classifica IV bis e sono richieste anche le qualificazioni OS 3 classifica II, OS 28 classifica II e OS 30 classifica III bis.
Le lavorazioni OS6, non essendo a qualificazione obbligatoria, possono essere eseguite dall’impresa in possesso della qualificazione OG1, ma in tal caso è richiesta una classifica in categoria OG1 almeno pari alla somma delle lavorazioni OG 1 e OS 6.

Q: Si chiede di confermare che con riferimento ai requisiti di cui al punto 8.4. “Requisiti di capacità tecnica e professionale” – lettere a) aver stipulato almeno 2 contratti …] e b) [“aver eseguito…almeno 2 contratti…] del disciplinare di gara, non è richiesto un importo minimo dei contratti in questione.
R:  Si conferma che ai fini dei requisiti di cui al paragrafo 8.4 lettere a) e b) non è richiesto un importo minimo dei contratti di global service/multiservice aventi ad oggetto la manutenzione edilizia e/o impiantistica nel periodo dal 1/1/2018 al 31/12/2020.

Q:  Si chiede di confermare che, in caso di partecipazione in forma raggruppamento temporaneo con riferimento ai requisiti di cui al punto 8.4. lettere a) e b) del disciplinare di gara, qualora la mandataria-capogruppo sia in possesso di un contratto e la mandante sia in possesso del secondo contratto, il contratto posseduto dalla mandataria debba avere un valore economico (inteso come importo contrattuale) più elevato rispetto a quello della mandante.
R: Il disciplinare di gara, proprio relativamente ai requisiti di cui al paragrafo 8.4, così dispone: «In caso di partecipazione in forma di costituito/costituendo raggruppamento la capogruppo dovrà in ogni caso possedere i predetti requisiti in misura maggioritaria sotto il profilo economico».
Ne deriva che in caso di concorrente in forma di raggruppamento temporaneo, l’impresa che si qualifica come capogruppo dovrà possedere i contratti di cui alle lettere a) e b) di importo più elevato rispetto alle imprese mandanti.

Q: Si chiede di confermare che, in caso di partecipazione in forma di raggruppamento temporaneo, i requisiti di cui al punto 8.4. lettere a) e b) del disciplinare di gara, possano essere soddisfatti interamente dall’impresa capogruppo-mandataria.
R: Il disciplinare di gara, proprio relativamente ai requisiti di cui al paragrafo 8.4, così dispone: «In caso di partecipazione in forma di costituito/costituendo raggruppamento la capogruppo dovrà in ogni caso possedere i predetti requisiti in misura maggioritaria sotto il profilo economico».
Ne deriva che in caso di concorrente in forma di raggruppamento temporaneo, l’impresa che si qualifica come capogruppo può soddisfare integralmente entrambi i requisiti di cui alle lettere a) e b) del paragrafo 8.4 del disciplinare di gara.

Q: Si richiede di specificare se le unità immobiliari presenti nell' elenco immobili (allegato 01) con la dicitura ELIMINATO nella colonna piano siano, comunque oggetto dei servizi previsti dall'appalto.

R: Le unità che presentano la dicitura "eliminato" sono 32 su un tottale di 7.178 rispetto all' elenco in pubblicazione. Come già specificato negli elaborati di gara il numero di alloggi in carico è oggetto di piccole ma costanti fluttuazioni legate alla ordinaria attività gestionale effettuata con i 21 Comuni della provincia. Le variazioni in aumento/diminuzione trovano adeguamento secondo le indicazioni di cui all' art.36 del Capitolato.

Q: Si chiede di confermare che è ammesso l’avvalimento per i requisiti di capacità tecnica e professionale di cui al paragrafo 8.4 lettere a) e b) del disciplinare di gara.

R: Secondo quanto prevede l’articolo 89, comma 1 D.Lgs.50/2016 l’avvalimento è consentito per acquisire i requisiti di carattere economico, finanziario, tecnico e professionale di cui all'articolo 83, comma 1, lettere b) e c), necessari per partecipare ad una procedura di gara. Conseguentemente, nella presente gara, l’avvalimento è ammesso anche con riferimento ai requisiti di capacità tecnica e professionale cui al paragrafo 8.4 del disciplinare di gara.

                       

                                                        -------------------00000-------------------                       -----------------00000-----------------

Oggetto: SERVIZI ENERGETICI PER EDIFICI. SERVIZIO DI RISCALDAMENTO, INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE SU EDIFICI RESIDENZIALI A FERRARA v.le Krasnodar

 Data di spedizione alla GUUE: 24/09/2021

SCADENZA TERMINI DI PRESENTAZIONE: L'amministrazione ha disposto il differimento dei termini di presentazione delle offerte secondo il seguente dettaglio:

> termine presentazione  04/01/2022 ore 12:00

> apertura offerte   10/01/2022 ore 10:00

> termine per sopralluoghi e quesiti  15/12/2021

 ATTENZIONE: per causa sopravvenuta, il termine per l'APERTURA delle offerte è differito al 14/01/2012 ore 10:00

 

14/01/2022 :    GARA  DESERTA

 

Bando di gara

Disciplinare di gara

- Capitolato d'appalto

ALLEGATI

- Allegato 1 DGUE

- Allegato 2 Dichiarazione integrativa

- Allegato 3 Dichiarazione raggruppamenti temporanei

- Allegato A Normativa di riferimento

Allegato B Piano di Manutenzione

Allegato C Relazione interventi di riqualificazione 

- Allegato D Diagnosi energetiche e interventi di contesto urbano

    - Allegato D1 - Diagnosi energetiche

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

    - Allegato D2 - Relazione interventi di contesto urbano

- Allegato E Linee di indirizzo riqualificazione del contesto urbano di v.le Krasnodar Ferrara

- Allegato F Planimetrie edifici di via Verga 114 e via Verga 627

- Modello offerta economica

- PEF

ULTERIORI ELABORATI

- via Fardella

- via Belli 

- via Porta

- via Verga

 

ATTENZIONE.    RETTIFICA ELABORATI PROGETTUALI

I lavori devono essere realizzati entro il 31.12.2022 e non entro il 31.12.2023 come erroneamente indicato nel "Capitolato speciale d'appalto-Disciplinare Tecnico" (artt.1,5 e 12)

 

CHIARIMENTI 

A seguito di alcuni quesiti pervenuti, si ritiene necessario rendere i seguenti chiarimenti.

Si precisa che l’operatore economico è chiamato a effettuare le lavorazioni mediante l’opzione dello sconto in fattura. La richiesta di presentazione di un impegno da parte di un Fondo/Istituto di credito risponde alla necessità di garantire, sin da ora la sostenibilità dell’operazione.
Gli operatori economici potranno omettere la presentazione dell’impegno dell’istituto o del Fondo qualora siano in grado di dimostrare una capienza fiscale in grado di garantire l’opzione dello sconto in fattura. A tal fine si precisa che per poter domostrare capienza fiscale in grado di garantire l’opzione dello sconto si intende una capienza pari ad almeno 2.5 volte l’importo delle lavorazioni.
Rimane inteso che in tal caso, l’operatore economico dovrà allegare nella busta amministrativa, documentazione attestante la capienza fiscale (a mero titolo esemplificativo, bilanci, dichiarazione dei redditi ecc.).

 

 

 QUESITI e RISPOSTE

Q: “…è richiesta a carico dell’operatore economico la realizzazione degli interventi minimi riportati oppure se la scelta degli interventi da eseguire è a totale discrezione dell’operatore economico che potrà scegliere di effettuare l’intervento minimo (o km minimi offerti) di un solo criterio piuttosto che di un altro.”
R: L’operatore economico potrà scegliere a propria discrezione quali interventi minimi offrire tra quelli indicati al criterio 2. Tuttavia, qualora l’operatore economico intenda formulare offerta relativamente ad uno o più dei sub criteri di cui al punto 2, l’offerta non potrà essere inferiore a quanto indicato per ciascun criterio.

A mero titolo esemplificativo: l’operatore economico potrà formulare offerta esclusivamente il criterio 2A (senza formulare quindi offerta per i criteri 2b, 2c e 2d), ma in tal caso l’offerta dovrà prevedere la fornitura minima di 100 - Panchine; 50 - Cestino portarifiuti; 30 - Fioriere di tipo innovativo (con, ad esempio, eventuale vasca di 28 drenaggio); 10 - Fontanelle; 30 - Portabiciclette; 30 - Tavoli; 10 - Tavoli pic-nic ; 2 - Aree gioco Bimbi (attrezzi + pavimentazione antitrauma); 2 - Stazioni di ricarica per biciclette a pedalata assistita.

Q: Si chiede inoltre di specificare se le prestazioni oggetto di affidamento comprendono anche l’attività di progettazione e di esecuzione degli interventi di adeguamento sismico indicati all’art. 119 del D.L. n. 34/2020 (c.c. e m.) e se tali interventi siano inclusi nell’importo a base d’asta non soggetto a ribasso pari a17.267.775 € oltre IVA.
R: Si conferma che l’attività di progettazione ed esecuzione degli interventi di adeguamento sismico è compresa nel valore dell’appalto, la tipologia degli interventi è descritta in “allegato-c_relazione-interventi-riqualificazione”. Per mera precauzione si ribadisce che, come espressamente indicato nel disciplinare di gara, la base d’asta è pari ad euro € 1.072.684, oltre iva di legge

Q: Con riferimento a quanto riportato a pag. 23 del Disciplinare di Gara si richiedono i seguenti chiarimenti:
1) Si chiede se nella Relazione Tecnico-Descrittiva devono essere descritti singolarmente gli interventi per ogni edificio o se basta presentare una unica relazione descrittiva generalizzata a tutti gli edifici ricadenti nel “quartiere Krasnodar” ricompresi nell’oggetto di gara.
2) Si chiede se il Fasciolo contenente gli elaborati grafici delle principali caratteristiche da realizzare, deve essere UNICO per tutti gli edifici o specifico per ogni singolo edificio
R: La stazione appaltante intende lasciare liberi gli operatori economici di redigere la relazione come riterranno opportuno. Potrà dunque essere presentata una unica relazione descrittiva relativa a tutti gli edifici compresi nel quartiere oggetto di intervento.

SI invitano gli operatori economici, tuttavia, a redigere in modo chiaro e contestualizzato la relazione tecnico – descrittiva, al fine di consentire la valutazione da parte della commissione valutatrice.
Si rammenta inoltre che sia la relazione descrittiva, sia il fascicolo contenente gli elaborati grafici (anch’esso redatto a discrezione dell’operatore economico) dovranno essere contenuti nei limiti indicati nel disciplinare di gara. Eventuali pagine eccedenti non saranno valutate.

Q: Con riferimento ai requisiti di capacità tecnica e professionale, si chiede conferma che, in caso di un costituendo Raggruppamento Temporaneo di Impresa i requisiti “certificazione UNI CEI 11352, ISO 14001, requisiti per l’assunzione del ruolo di Terzo Responsabile ed il Servizio Energia Plus” possono essere posseduti dal costituendo RTI nel suo complesso.
R: Si conferma, restando inteso che, anche in caso di costituendo r.t.i., il soggetto che sarà nominato Terzo Responsabile dovrà possedere direttamente i requisiti richiesti

Q: Con riferimento al bando di gara in oggetto e in particolare al bonus facciate ivi previsto in misura pari al 90%, si chiede di specificare se e in che modo la stazione appaltante intende compensare il minor incentivo ottenibile a partire dal 2022 come previsto dal disegno di legge recante il Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2022 approvato il 28 ottobre 2021 dal Consiglio dei Ministri.
R: Come indicato nel disciplinare di gara, l’appalto prevede che parte di interventi iniziali sostenuti dall’operatore economico e non ammesso a detrazione, il servizio di fornitura e quello di manutenzione, siano remunerati mediante la successiva fase di gestione. Qualora dovesse venire meno l’equilibrio previsto nell’analisi finanziaria (Allegato PEF), per fatto non imputabile all’operatore economico, sono previsti meccanismi di riequilibrio. Pertanto, laddove non dovesse essere garantito il recupero dell’investimento iniziale (per fatto non imputabile all’operatore economico aggiudicatario) si procederà al riequilibrio del contratto.

Q: Considerato che il termine per l’agevolazione fiscale per gli interventi effettuati dagli istituti autonomi case popolari (IACP) è fissato al 31 dicembre 2023 - laddove il 60% dei lavori complessivi siano stati realizzati entro il 30 giugno 2023 - come previsto dal disegno di legge recante il Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2022, si chiede se codesta spettabile amministrazione possa allineare le tempistiche previste per la realizzazione degli interventi a tali scadenze.
R: Il superbonus è stato esteso alle spese sostenute fino alla data del 31 dicembre 2023 per gli IACP che alla data del 30 giugno 2023 abbiano effettuato lavori per almeno il 60% dell’intervento complessivo. Le tempistiche del contratto saranno rese congrue con quelle della normativa, nei tempi e nei modi opportuni.

Q: Si chiedono chiarimenti in merito alla necessità di individuare un “Istituto di credito / fondo che garantisca lo sconto in fattura” considerato che quest’ultima soluzione richiesta dal bando in oggetto prevede che l’operatore economico che realizza gli interventi trovi remunerazione attraverso la detrazione nei limiti della propria capienza fiscale.
R: Con riferimento alla richiesta di individuare un “Istituto di credito / fondo che garantisca lo sconto in fattura”, si precisa che, a norma dell’art. 121 del Decreto Rilancio, ACER intende eseguire i lavori esclusivamente mediante l’opzione dello sconto in fattura (ed indipendentemente dalla capienza fiscale dell’aggiudicatario), il quale prevede che il corrispettivo sia anticipato “.. anticipato dal fornitore che ha effettuato gli interventi e da quest'ultimo recuperato sotto forma di credito d'imposta, con facoltà di successiva cessione del credito ad altri soggetti, ivi inclusi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari”. L’operatore economico è chiamato quindi a garantire sin da ora la presenza di un istituto di credito o di un fondo che garantisca l’anticipo in caso di cessione, al fine di assicurare la serietà e la solidità finanziaria dell’operatore stesso.

Q: Si chiede di specificare se il “Senior Financial Specialist: soggetto dotato di Laurea Magistrale in Discipline Economiche, iscritto all’Albo dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili” debba necessariamente essere un dipendente dell’operatore economico.
R: Il “Senior Financial Specialist” non deve essere necessariamente un dipendente dell’operatore economico, potendo essere semplicemente da questo “indicato”.

Q: Si chiede un allungamento dei tempi di presentazione dell' offerta di almeno 25 gg.
R:I termini sono stati prorogati secondo dettaglio sopra pubblicato. Avvisi spediti a GUUE e GURI .

Q: In riferimento alla “Relazione energetica relativa alla quantificazione e giustificazione del risparmio energetico garantito dagli interventi proposti (per i soli edifici 01 FE.C-01 V Porta 1/3; 02 FE.C-02 V Belli 5; 03-a FE.C-03 V Fardella 4/14; 04 FE.C-04 V Verga 23/29)” (p. 23 – Disciplinare), si domanda se sono disponili disegni (planimetrie, sezioni, prospetti) o direttamente modelli energetici di questi fabbricati, in quanto non sono presenti nella documentazione a base gara e per la quantificazione e giustificazione del risparmio energetico sarebbero necessari.
R: Vedi sopra "ULTERIORI ELABORATI"

Q: Con riferimento al “SENIOR FINANCIAL SPECIALIST: soggetto dotato di Laurea Magistrale in Discipline Economiche, iscritto all’Albo dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili” richiesto all’art. 11 del disciplinare di gara, si chiede di specificare che tipo di attività lo stesso dovrà espletare.
R:Il comma 11 dell'art 119 del DL Rilancio prevede che "ai fini della opzione per la cessione o per lo sconto di cui all'art 121, il contribuente richiede il visto di conformità dei dati relativi alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione d'imposta per gli interventi di cui al presente articolo".Il visto di conformità attesta:
la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione di imposta,
la presenza delle asseverazioni e delle attestazioni rilasciate dai tecnici incaricati (in quanto obbligatorie)
il visto può essere rilasciato solo dai soggetti indicati nell'art 3 comma 3 lett a) e b) del DPR 322/98.